Muoversi di più e mangiare sano: questo il cambiamento per il futuro!
Per quanto possa sembrare paradossale nella maggior parte delle nazioni mondiali l’obesità uccide più persone rispetto alla malnutrizione. 43 milioni di bambini di età inferiore ai 5 anni sono obesi (il 200% in più rispetto a 30 anni fa) o presentano già problemi di sovrappeso! E, se la tendenza attuale dovesse continuare, fra meno di 10 anni saranno 70 milioni. In altri termini il dato allarmante diffuso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, significa che fin dall’infanzia con uno stile di vita ed un’alimentazione del tutto inadeguati i piccoli sono predisposti ad essere futuri adulti con patologie cardiovascolari, ortopediche, diabete di tipo II, disturbi psichici e problemi di autostima! Dunque con un’aspettativa di vita più corta di quella dei propri genitori.
Anche in Europa già il 50% dei cittadini è in sovrappeso e mezzo milione muore ogni anno per lo più per cause legate all’inattività fisica: malattie coronariche, patologie conseguenti ad un’eccessiva o errata alimentazione, tumori al colon e al seno. Ecco perché diventa prioritario educare i ragazzi a mangiare cibi sani e nelle giuste quantità, adeguate all’attività fisica, che deve rimanere costante anche da adulti. Una generazione che si diverte a fare ginnastica e sport fin dai primi anni, in modo regolare e costante, può predisporre al meglio il proprio stile di vita futuro, rimanendo attiva anche nella terza età, per almeno un’ora al giorno.
Sulla spinta della campagna sociale promossa negli Stati Uniti dalla First Lady ‪#‎MichelleObama‬, per contrastare la crescente diffusione dell’obesità infantile, anche quest’anno si svolgerà la terza edizione di “Let’s move for a better world”. Dal 1° al 19 marzo – in concomitanza mondiale – presso i tutti i centri sportivi che aderiscono all’iniziativa della ‪#‎Technogym‬ ci si può iscrivere e donare “Move”, l’unità di misura creata per calcolare le calorie bruciate attraverso l’allenamento in palestra. La sfida consiste nell’accumularne il maggior numero. Tutti possono partecipare gratuitamente alla gara sportiva caratterizzata dal colore giallo e donare la propria attività fisica per fare beneficenza, cioè contribuire all’assegnazione di attrezzature sportive a organizzazioni locali o Istituti scolastici della propria provincia. L’Italia ha vinto la prima edizione del 2014 su 11 nazioni partecipanti, mentre l’anno scorso in cui se ne sono aggiunte altre 5 è arrivata al terzo gradino del podio, conquistato dalla Spagna. L’obiettivo del 2016 è quindi fare il bis del primo anno! E allora, Let’s Move: è tempo di cambiare! Coloriamo di giallo le nostre giornate e muoviamoci contro l’obesità infantile e adulta, contro l’inattività fisica. Muoviamoci, per dare il via ad un’inversione di tendenza e fare spazio ad uno stile di vita migliore e più sano.
Questo il video relativo all’edizione 2015

Fonti: Organizzazione Mondiale della Sanità,
Commissione Europea,
Centre for Economics and Business Research 2015,
The Aspen Institute Project Play
Foto: sito Technogym

Elisabetta Mereu