Il carnevale – festa internazionale che si celebra nei Paesi di tradizione cattolica è il periodo di tempo che intercorre tra il 17 Gennaio (festa di S. Antonio Abate) ed il primo giorno di quaresima. In questi quaranta giorni, che ricordano, nel numero, quelli del digiuno di Gesù nel deserto, i cattolici si dedicano alla preghiera ed ad opere di carità, associate a digiuni e penitenze.Non si sa da dove derivi il nome ‘carnevale’: c’è chi dice da car navalis, il rito della nave sacra portata in processione su un carro; secondo altri risale, con ogni probabilità, al latino carnem levare, espressione con cui nel Medioevo si indicava la prescrizione ecclesiastica di astenersi dal mangiare carne a partire dal primo giorno di Quaresima, o ancora da carne vale (“carne, addio”) alludendo ai digiuni quaresimali, dato che il Carnevale si conclude con il martedì grasso, il giorno che precede, per i cristiani il mercoledì delle Ceneri.
Secondo altri storici il carnevale trae origine dai saturnali, feste, nell’antica Roma, in onore di Saturno, dio delle seminagioni. Nei tempi antichi infatti il Carnevale era anche la grande festa della fecondità della terra, che doveva svegliarsi dopo il sonno invernale e nutrire le mandrie, le greggi e gli esseri umani. Il Carnevale univa riti di fecondità con l’allegria. Ridere sconfigge la morte e il lutto: tradizioni antichissime collegano il riso, le danze e le burle alla fertilità della natura e degli uomini.Durante questo periodo sostenendo che “a Carnevale ogni scherzo vale”, la gente si prende svaghi con pubblici e privati divertimenti, costituiti da manifestazioni burlesche, scherzi, baldoria e mascherate varie. Le maschere insieme ai vari dolci tipici costituiscono infatti l’elemento distintivo e caratterizzante di questo periodo e attraverso di esse si celebrano le tradizioni delle città e delle regioni d’Italia: il Piemonte con Gianduia, Bergamo con Arlecchino, ‪#‎Venezia‬ con Pantalone e Colombina, Milano con Meneghino, la Toscana con Stenterello, Roma col Sor Tartaglia, con Rugantino e Capitan Spaventa, Napoli con il mitico Pulcinella, la Sicilia con Peppe Nappa e i personaggi della tradizione dei paladini.
Il Carnevale veneziano è uno dei più antichi e affascinanti d’Europa e insieme a quello di ‪#‎Viareggio‬ si conferma ogni anno come un appuntamento immancabile per visitatori e turisti nonché come un evento spettacolare tra i più belli e grandiosi del mondo. Però rappresenta non solo tante giornate all’insegna di divertimento ma anche l’esaltazione delle tradizioni e del lavoro di intere comunità di persone.

(foto tratta da turive.it)

Elisabetta Mereu